Incredibile come il dolore dell’anima non venga capito.

   Se ti becchi una pallottola o una scheggia si mettono subito a strillare

                                        “presto barellieri il plasma!”,

                                 se ti rompi una gamba te la ingessano,

                          se hai la gola infiammata ti danno le medicine.

  Se hai il cuore a pezzi e sei così disperato che non ti riesce aprir bocca,

                                                         invece,

                                     non se ne accorgono neanche.

  Eppure il dolore dell’anima è una malattia molto più grave della

                              gamba rotta e della gola infiammata,

                 le sue ferite sono assai più profonde e pericolose di

               quelle procurate da una pallottola o da una scheggia.

                                 Sono ferite che non guariscono,

                                                       quelle,

             ferite che ad ogni pretesto ricominciano a sanguinare.

                                        (O. Fallaci)

Annunci